Cosa fare a Lisbona? 13 cose insolite (garantito)

da | Giu 20, 2024 | On the road

Lisbona è una città in cui sono ritornata più volte, dopo averci vissuto tre mesi nel 2017. E’ una città che non mi stanca mai perchè ogni volta che ritorno scopro sempre qualcosa di nuovo!

A proposito, sto scrivendo una guida sulla città, raccogliendo i miei vecchi appunti! Uscirà a breve e metterò un link qui!

In questo articolo però voglio proporti alcune cose alternative da fare in città, rispetto al solito giro classico. E’ un mix di luoghi da visitare meno conosciuti, qualche ristorante e localino da non perdere. Inseriscile nel tuo tour di Lisbona!

Un giorno finchè passeggiavo per l’Alfama, mi sono accorta del murale di Amalia Rodrigues. Sono poi andata ad informarmi scoprendo che era una delle più grandi cantanti di Fado del Portogallo. E così mi ci sono appassionata e sono andata alla ricerca della sua casa-museo.
La casa si trova nel quartiere di Estrela dove la cantante vi abitò dagli anni ‘50 fino alla sua morte. Tutto è rimasto com’era. Si può visitare partecipando ad una visita guidata di circa 1 ora.

📍 Rua de São Bento, 193 1250-219 Lisbona

La Selva surreale

All’interno del Parque Eduardo VII si trova, a mio parere, uno dei più bei giardini botanici che abbia mai visto, insieme a quello di Washington DC.
Estufa Fria significa “serra fredda” perchè non viene utilizzato alcun tipo di riscaldamento. In questa parte vengono conservate azalee e camelie. In realtà all’interno di questo giardino botanico si trovano anche l’Estufa quente (calda) dove si trovano le piante tropicali e l’Estufa doce (dolce) dove si trovano le piante succulente. Posto perfetto per rigenerarsi perchè Non è un’oasi in mezzo alla città ma una selva surreale.

📍 Parque Eduardo VII, 1070-051 Lisbona

Riparazione di bambole

Ecco il negozio più strano di Lisbona, che si trova nella movimentata Praça da Figueira, L’Ospedale delle Bambole (Hospital de Bonecas). Una volta, nel 1830, era abitazione di una signora Dona Carlota che occupandosi di sartoria, si sedeva sull’uscio a cucire e rattoppare bambole di stracci alle signore che frequentavano il famoso mercato. Oggi è un’attività dove riparano bambole provenienti da tutto il mondo ed è il posto migliore – se non l’unico – dove recarsi per trovare pezzi di ricambio quali una gamba, un braccio, o un occhio.
Le bambole qui lasciate sono conosciute come “pazienti” e ognuna ha la propria “scheda del paziente” e il numero del letto. Nulla di straordinario; questo è un ospedale, dopotutto. Il museo da solo conta più di 3.500 tipi di bambole; un numero che può solo essere una stima, dato che donazioni e offerte di nuove bambole arrivano praticamente ogni giorno. 

📍Praca da Figueira 7, Lisbona 1100-240

La più antica pasticceria

Ecco la pasticceria più antica nel centro di Lisbona, che appartiene alla stessa famiglia, è stata fondata nel 1829 da Balthazar Roiz Castanheiro. E’ stata il pasticciere ufficiale della famiglia reale e vanta quasi due secoli di esistenza, mantenendo ancora la sua vecchia reputazione come una delle migliori pasticcerie e caffetterie di Lisbona. E’ particolarmente famosa per il tradizionale dolce natalizio, il Bolo Rei, la cui tradizione è iniziata nel 1850 quando il proprietario ha acquistato la ricetta.Il locale è piccolino ma le decorazioni e i dipinti sono di stile pombalino.
All’interno, le prelibatezze sono esposte in un classico ed elegante bancone di marmo, sormontato da un soffitto a specchio.

📍Praça da Figueira, Lisbon, Portugal

Un palazzo segreto nel centro di Lisbona

Meno conosciuto come Palazzo São Luís da Pena e Palazzo Pais do Amaral ma più conosciuto come Casa do Alentejo. Questo palazzo dall’aspetto quasi banale ha al suo interno un arredamento moresco in stile marocchino, una sontuosa scala, un patio, antichi saloni decorate di azulejos che all’inizio del secolo scorso ospitarono il Majestic Club, il primo casinò di Lisbona. L’edificio è stato costruito alla fine del XVII secolo e apparteneva alla famiglia dei visconti Pais do Amaral. Poi venne ricostruito agli inizi del XX secolo. Il palazzo oggi ospita un’associazione che ha la missione di diffondere il patrimonio gastronomico dell’Alentejo i cui i membri gestiscono un ristorante per sostenersi. Perfetto da visitare specialmente la sera quando il patio si veste di luci che ne accentuano la magia.

📍 Rua das Portas de Santo Antão, al numero civico 58

Illegal Chinese

Se rimarraia a Lisbona per un pò, ti arriverà sicuramente voce dell’esistenza di locali nascosti, quasi inacessibili, dove mangiare. Questi sono gli Illegal chinese. Cioè si sono illegali ma ormai fanno parte della cultura lisboeta.
Questi non sono altro che ristoranti cinesi che sorgono all’interno di veri e propri appartamenti. Per entrare occorre suonare il citofono. Normalmente ci sono enormi tavolate, i menù molto ricchi e piatti da condividere. La regola è, non essere schizzinosi.
Molti di questi si trovano a Martim Moniz, quartiere multietnico ad elevata rappresentanza asiatica. Non c’è proprio nulla da temere. Sulla carta dovrebbero essere illegali invece sono super gettonati. Tanto che trovare la coda davanti alla porta è più che normale.

📍 R. do Benformoso, 58 oppure R. da Guia 9 1º, Lisbona 1100-132 Portogallo

La storia di Lisbona in un murale

Un murale che racconta le parti più importanti della storia di Lisbona, sopra ad un bagno pubblico nel quartiere di Alfama. Si l’artista Nuno Saraiva, ha ben pensato di dipingerlo sulla curvatura  di un piccolo tunnel nascosto vicino alle scale di Rua Norberto Araújo. Il murales raffigura le parti più importanti della storia della città in stile fumetto: il terremoto del 1755, le invasioni napoleoniche, la Rivoluzione dei garofani del 1974, l’epoca delle grandi Scoperte, la costruzione del Monastero dos Jerónimos.

La casa più antica di Lisbona

Pochissimi edifici a Lisbona sono riusciti a sopravvivere al terremoto del 1 novembre 1755. Però uno di questi è sopravvissuto grazie alle sue dimensioni ridotte e alle solide fondamenta
Si tratta delL’edificio che ha più di 500 anni. Sulla sua facciata sono presenti simboli d’altri tempi. Per trovarla basta mettersi davanti al famoso murale in omaggio ad Amália Rodrigues, disegnato dall’artista Vhils.

📍 Rua dos Cegos

Nel bordello

Un edificio  pombalino del XVIII secolo, diviso in 5 piani di soffitti decorati, pareti tappezzate, poster sexy, divani soffici, velluti e diari segreti, lampadari di cristallo e stanze proibite, insomma un ex bordello che oggi è diventato il bar più originale di Lisbona, il Pensao Amor.

📍 R. do Alecrim, 19 

Un drink in parcheggio

Uno dei posti più belli dove vedere il tramonto è proprio il Park, un rooftop bar che si trova al sesto piano di un parcheggio proprio nel centro del Bairro Alto.

📍Calçada do Combro 1200-109 Lisboa, Portogallo

Bar o museo?

A prima vista quella porta chiusa può sembrare un divieto di entrata, ma non ti pentirai di entrare in quello che è considerato uno dei bar più particolari di Lisbona, e persino del mondo.È un bar, ma potrebbe tranquillamente essere un museo o un antiquario. Infatti perfetto se ami il vintage ed il collezionismo.
Qui mi ci ha portata un ragazzo del posto descrivendomelo come “un posto che devi vedere, ci sediamo un attimo per guardare”. Il Pavilhao Chinés era una bottega di thè e caffè nel 1901 poi rinato nel 1986 dalla necessità di Luís Pinto Coelho di esporre tutta la sua collezione privata di piccole reliquie.
Il suo fascino ora sta proprio nelle sue sale piene di mobili e vetrinette che contengono centinaia di migliaia di pezzi da tutto il mondo da figure, quadri, bambole, aeroplani, miniature, cappelli e elmetti, medaglie, soldatini di piombo, artefatti militari, pezzi unici di Bordallo Pinheiro, teiere, statuette, mappe, bandiere…
per molte volte che lo visiterai, troverai sempre qualche dettaglio che non avevi mai notato.

📍R. Dom Pedro V 89 (Princípe Real)

Dall’altra sponda del Tejo

Lisbona è una città in cui sono ritornata più volte, dopo averci vissuto tre mesi nel 2017.
E’ una città che non mi stanca mai perchè ogni volta che ritorno scopro sempre qualcosa di nuovo!

A proposito, sto scrivendo una guida sulla città, raccogliendo i miei vecchi appunti! Uscirà a breve e metterò un link qui!

In questo articolo però voglio proporti alcune cose alternative da fare in città, rispetto al solito giro classico. E’ un mix di luoghi da visitare meno conosciuti, qualche ristorante e localino da non perdere. Inseriscile nel tuo tour di Lisbona!

Non più un edificio industriale

Un pò distante dal centro ma è un’area culturale e creativa, un luogo d’incontro vivace e dinamico che va assolutamente esplorato, l’LX Factory. Nasce da una serie di edifici industriali dismessi, originariamente parte di una fabbrica tessile e ne conserva ancora l’atmosfera industriale. Oggi non è altro che un insieme di negozi, gallerie d’arte, ristoranti, uno spazio per eventi culturali.

Fammi sapere se sei già stat* a Lisbona! Se si, conoscevi già questi posti? Sono delle chicche!

Scritto da Giulia

Scritto da Giulia

Content creator e viaggiatrice ma più precisamente cicloturista e camminatrice. Se non esploro sto male perchè l'arte del viaggio mi rende ogni volta una persona migliore. Il mondo è il mio più grande maestro. Rendo immortali questi attimi di libertà premendo rec sulla mia fotocamera e scrivendo su pezzi di carta che ora sono diventati virtuali.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lettere da in giro con sfondo grigio
Lettere da in giro per te!

Lettere da in giro per te!

Una volta al mese ti invierò una lettera dove parleremo insieme di cicloturismo, cammini, consigli e idee di viaggio tutto condito con delle gran good vibes! Ti va?

Consenso trattamento dati

Grazie di cuore! A presto con le lettere da in giro!